Presolana, via Hard Rock e traversata delle cime – le caianate vere (e belle)

Se il primo appuntamento è un "conosciamoci", il secondo è implicitamente una dichiarazione di interesse, al terzo appuntamento la storia inizia a farsi decisamente seria. E infatti il mio, con la Presolana, è il terzo di appuntamento e non c'è che dire: non posso certo considerarla una cottarella ormai, con le sue pareti piene di …

Leggi tutto Presolana, via Hard Rock e traversata delle cime – le caianate vere (e belle)

Briançon – il buono, il cattivo e il brutto

Ricapitolando un po' l'estate: su roccia marcia in Dolomiti, senza protezioni, ci siamo andati (e volevo piangere), su granito ci siamo andati, nel camino di Polimagò e sulle fessure di Kundalini con la corda sotto il sedere credo di aver davvero pianto, sul traverso e in placca non me lo ricordo ma forse è perché …

Leggi tutto Briançon – il buono, il cattivo e il brutto

Via Steger alla Punta Emma (Catinaccio) – si sta come in Dolomiti, su due chiodi marci, gli alpinisti

Quando arrivo in sosta quasi non ci credo, quando vedo i due chiodi arrugginiti non so se sia più intensa la felicità del tiro appena fatto o l'ansia che un po' mi sale all'idea di appendermi su quella sosta. Ma ormai siamo in ballo, a metà parete, non è certo il caso di mettersi a …

Leggi tutto Via Steger alla Punta Emma (Catinaccio) – si sta come in Dolomiti, su due chiodi marci, gli alpinisti

Una normale poco normale al Campanile Basso, Dolomiti del Brenta

"Ma giuro sono mite, anche se sembro roccia, col cuore dolomite...". Tanto alte e maestose quanto fragili e delicate, ho una strana sensazione riguardo alle Dolimiti, sono un paio di giorni ormai che sono a zonzo tra queste cattedrali. Si ergono dal nulla, poggiando sui loro stessi ghiaioni di sabbia, sembrano tra le pareti più …

Leggi tutto Una normale poco normale al Campanile Basso, Dolomiti del Brenta

Mamma Grignetta – abbiamo tutti una montagna speciale

  Quando a giugno dell'anno scorso finiva il corso di alpinismo, il mio sguardo cadeva sempre lì: la Grigna, anzi, mamma Grigna come piace a me chiamarla. Mamma Grigna, la montagna dalla quale un po' scappare per fare ascensioni più significative ma dove ritornare, come fosse appunto una mamma, perché in fondo, per chi come …

Leggi tutto Mamma Grignetta – abbiamo tutti una montagna speciale

Via Ottoz alla Pyramide du Tacul – storie del fiatone sul IV grado

E' venerdì mattina, le 7.00. Ancora non ho idea su cosa farò nel weekend. Sono d'accordo con Ale per fare qualcosa, come sempre, le idee sono tante, il meteo comanda e l'umore è altalenante. Nel pallottoliere delle salite gli butto il Vinci, la Molteni, anche se in Val Masino sembra scaricare acqua verso sera. Ore …

Leggi tutto Via Ottoz alla Pyramide du Tacul – storie del fiatone sul IV grado

Polimagò – cervello frullato su traverso non spittato

Dicono che le donne, a scalare, sviluppino ben presto la tecnica per compensare un deficit di forza. Sicuramente qualcosa di vero in questa frase c'è, altrimenti, vista la scarsa tenenza che ho, non si spiegherebbe come diamine riesco a salire certe volte. Ciò nonostante rimango una donna atipica, appena il piede va messo in spalmo, …

Leggi tutto Polimagò – cervello frullato su traverso non spittato